The thunder before lightning and the breath before the phrase.

Quando il Metodo Gattini non funziona, perché appunto arriva l’approssimarsi della scadenze che hai fin ora bellamente ignorato, io mi trasformo in Bree Van de Kamp. Cucino e faccio liste. Faccio liste mentre cucino. Nella fattispecie, in questo momento, la pappa al pomodoro é sul fuoco, i peperoni in forno e il tiramisu si sta raffreddando nel frigo. E io faccio liste.

Quest’anno per S. Valentino ho un nuovo fidanzato. Anzi due Ernst & Young. Il servizio di consulenza che ha l’onere di spostarci fisicamente da qua al Michigan, limitando al minimo il nostro stress fisico ed emotivo. O almeno cosí dicono. Non so se questo vorrá dire che mi faranno gli scatoloni e mi abbracceranno quando penseró di aver fatto lo sbaglio piú grande della mia via e vorró tornare indietro. Anche se forse mi accontenterei degli scatoloni. Comunque domani mattina la ditta di traslochi viene a vedere a grandi linee che cosa dobbiamo spostare. Mio marito mi dice “fai una lista, magari mettici anche i divani vecchi della tavernetta e il letto della soffitta.” Davvero?

Quindi faccio liste. Divido le cose indispensabili, da quelle utili, da quelle superflue. Quelle che devono venire con noi in valigia, quelle che viaggeranno via aereo e quelle che arriveranno 4/5 settimane dopo con il container. E nel frattempo brucio la pappa al pomodoro. E vorrei qualcuno con cui dividere l’onere del seggiolone si, seggiolone no. Per dirne una, che il seggiolone sará no di sicuro.

Vorrei qualcuno che mi dica che andrá tutto bene e se non andrá bene troveremo una soluzione e che non sto scappando, sto solo cogliendo quell’opportunitá che ho avuto il coraggio di costruirmi. E che giusta o sbagliata é stata una mia (nostra) scelta, ma non per questo devo pagarne le conseguenze al 100%. E che non mi devo preoccupare per chi rimane qui, perché loro ce la faranno benissimo anche senza di me. ma che gli mancheró da morire. E loro mancheranno a me, ma cercheremo di tenere duro e di scriverci e parlarci senza chiudere le porte come se io fossi in castigo ed avessi fatto una scelta, non per me, ma contro qualcuno.

Chissá se la Ernst & Young ha previsto di aiutarmi anche in questo? 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...