Why do I just lie awake and think of you?

20130520-174609.jpg

Ogni bambino ha le sue manie, si sa. A me da piccola piacevano i camion multiruote, le macchine elettriche (che mai ottenni) e tagliarmi le sopracciglia con le forbici, quando non vista. Alla mia nipote di mezzo, Lola, piacevano le scarpe col tacco, pur non essendo lei particolarmente girlie, andava in giro per ore nella mia cucina a tre anni con disinvoltura sui miei sandali dorati tacco 12. Miucci aveva una passione per le briciole e le cose piccolissime, Lala dei Teletubbies e a due anni faceva i bambini con il corpo, gli occhi e i capelli, tutti al posto giusto.

Al Sauro piacciono le uova. Oltre che ad una serie di passatempi ordinari, come le macchinine, i personaggi di Toy Story e i dvd di Miyazaki. Peró la sua vera autentica passione, quella con la quale lo si minaccia da natale a ferragosto, quella per cui brama e spasima sono le uova. Infatti é una della prime parole che ha imparato a dire sia in inglese che in italiano. Successivamente ha imparato ‘uova Kinder’ e ‘surprise eggs’. Ma comunque non sono solo le uova Kinder che ama, anche se quelle contribuiscono soprattutto perché praticamente introvabili e illegali negli Usa. Leggete qui, se ne avete voglia, o altrimenti credetemi sulla fiducia. Gli ovetti Kinder sono il male per gli Americani, al contrario della armi da assalto e il limite di etá per la caccia, in Michigan per dire, che non permette di sparare ai cervi a ragazzini con etá inferiore a ben dodici anni. E si ostinano a dire che sia per protezione verso i bambini quando io sono ben sicura che la colpa sia di qualche ciccione famelico che é finito all’ospedale, trangugiando in un sol boccone ovetto, sorpresa e probabilmente anche la carta stagnola… Comunque, gli ovetti di cioccolato qui son merce rara, limitata a quando qualche amico e parente si azzarda a commettere un crimine contro l’umanitá e passa la frontiera degli Stati Uniti, con un trittico di ovetti Tartallegri in valigia, rischiando la pena di 300 euro. A uovo. Non so bene quale sia la pena per il pesto o la pasta di acciughe, ma molto é stato rischiato per noi e per questo, in questa sede, vi ringrazio. Mia sorella, braveheart, si é addirittura spinta fino a portare qui delle uova di pasqua vere e proprie, perché no, qui non esistono neanche quelle. Solo conigli di tutte le fogge e dimensioni, e croci (giuro croci, tipo crocifissi, vanno alla grande) istoriate ai tre cioccolati. Ovviamente vuote, che é una triste pasqua senza sorprese per i bambini americani.

Comunque per tornare al Sauro, non sono solo le uova di cioccolato che brama, ma qualsiasi oggetto oviforme che si apra e contenga qualcosa. Qui ne esistono di tutti i principali personaggi dei cartoni animati, da Spongebob a Cars, ripieni di adesivini e caramelle. Ci sono i Trash Pack uoviformi che contengono dei mostrini da collezionare. E poi gli Squinkies, anche questi da Spongebob a Toy Story, che sono la versione casalinga dei distributori di ovetti da 50 centesimi dei supermercati, che hanno assicurato ore ore ed ore di puro divertimento casalingo. E fin qui tutto piú o meno normale. Ma la frontiera della sua ossessione si spinge fino all’adorazione dei video su YouTube, tra i quali naviga con maestria di un nerd 40 enne, delle persone che, davanti ad una telecamera, aprono gli ovetti e far vedere il contenuto. Giuro che esistono. E sono piú d’uno. Questo in assoluto é quello che ha guardato di piú, tanto che io e son sicura anche Erre, sappiamo le battute a memoria. Ma partendo da qui vi si puó dipanare un mondo di apertori di uova seriali. Gente che spende stipendi in Korea o Londra solo per aprire in diretta e collezionare tutte le sorprese. Non sono video promozionali delle case produttrici, solo pazzi furibondi. Tipo questa ragazza, che in ogni video cambia anelli e colori delle unghie (le mani sono le uniche cose che si vedono nei video) e spacchetta ogni tipo di uova sul web. Il Sauro la adora, sorvolando sul quanto sia effettivamente educativo che lui guardi queste cose…

Pasqua quindi é stato un duro duro periodo qui da noi. Entrare in un supermercato era proibitivo, salvo uscirne con pacchi di uova colorate. Qui non esistono le uova con sorpresa ma esistono le egg hunts, ovvero le cacce alle uova. Siamo anche andati a questa famosa caccia, dove le uova venivano lanciate da un elicottero sul prato e i bambini dovevano correre a raccoglierle. Uova e cuginette e elicotteri. La combo perfetta, tanto che prima di addormentarci, ogni sera, il Sauro mi fa due domande. Quando torniamo a prendere le uova che cadono dall’elicottero? E quando andiamo da nonna-uova Kinder?

Annunci

4 thoughts on “Why do I just lie awake and think of you?

  1. Questo post mi ha fatto morire ! Ahah l’unboxing delle uova con musica tunz tunz sembra un bellissimo anti stress pre esame! Comunque concordo non c’ e’ niente di meglio delle uova ( non so se hai notato che ho fatto anche delle foto con un uovo ahah) , mi sono appena resa conto di essere anche io un membro di questo pazzo club, ricordo ancora la delusione provata quando 5/6 anni fa hanno cambiato l’incarto ( non più un foglio unico che si raggruppava ai due poli)…che smacco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...